Privacy Policy
 
Torna al blog

COME ORGANIZZARE I TAVOLI ED ASSICURARTI IL SUCCESSO DEL TUO MATRIMONIO

COME ORGANIZZARE I TAVOLI PER IL TUO RICEVIMENTO E GARANTIRTI IL SUCCESSO DEL TUO MATRIMONIO

L' organizzazione dei tavoli è uno degli aspetti più stressanti del matrimonio

- Parenti che devono sedere a debita distanza
- amici in attrito
- il collega o l'amico che non conosce nessuno
- le coppie con i neonati
- gli anziani
- gli invitati dei genitori che neanche conosci (e che non dovrebbero nenche esserci!)  

una vera e propria impresa!

Mettici anche le conferme e le defezioni dell ultimo momento e il quadro è completo!
Sbagliare la sistemazione degli invitati e la disposizione dei tavoli può compromettere la riuscita Il tuo matrimonio.

Il coinvolgimento e la partecipazione dei tuoi ospiti dipenderà molto da come si sentiranno: se saranno a loro agio avranno voglia di partecipare e festeggiare ma se si annoieranno o si sentiranno a disagio rimarranno come mummie fino alla fine della giornata!

Devi creare la situazione ideale per avere un'atmosfera piacevole e per far godere a tutti ogni momento.

In questo modo potrai evitarti anche il noiosissimo giro tra i tavoli e riservare la condivisione dopo il taglio della torta.

Ti sembra impossibile?

Non lo è.

Devi solo sapere come muoverti e seguire le regole che sto per svelarti. 

- INIZIA PER TEMPO A STILARE LA

LISTA DEI TUOI INVITATI

- RICORDA DI SCRIVERE SULLE PARTECIPAZIONI IL TERMINE ULTIMO PER LA CONFERMA, così gestirai tutto al meglio e con calma

- EVIDENZIA LE CRITICITÀ: già elencate all'inizio.

- PENSA ALLE FIGURE JOLLY: amici particolarmente socievoli e disposti a sedere anche con chi non conoscono e capaci di fare da collante tra gli altri
- IN CASO DELLA PRESENZA DI SACERDOTE O VESCOVO SEGUI LE INDICAZIONI DEL GALATEO
- CHIEDI PER TEMPO AL RISTORANTE IL NUMERO MASSIMO DI INVITATI PER OGNI TAVOLO (SE HANNO TAVOLI DI DIVERSE DIMENSIONI PRENDI NOTA).
- SISTEMA IN MANIERA STRATEGICA I TAVOLI DI PARENTI O AMICI CHE NON SEDERANNO INSIEME PER FARLI STARE COMUNQUE VICINI E PRONTI A RALLEGRARE L'ATMOSFERA
- FAI ACCOMODARE LE PERSONE PIÙ ADULTE VICINO ALL'INGRESSO E LONTANO DALLA MUSICA (sappiamo tutti che non gradiscono rumori eccessivi e che potrebbero avere necessità di alzarsi ed uscire dalla sala)
- PENSA AL TAVOLO DEI BAMBINI: possibilmente in un'altra sala, cosi da poter permettere loro di muoversi e giocare
- ORGANIZZA UN TAVOLO DI SERVIZIO (non pensare di lasciare a digiuno chi lavora per te o di arrangiare un tristissimo piatto dal buffet).

Non tenere nulla a mente: tieni sempre con te il diario dove poter appuntare in tempo utile ogni modifica.
Buon lavoro!

Inizi a sentire il peso dell'organizzazione?

Devi terminare ancora moltissime cose e credi di non riuscire

Temi che il tuo matrimonio non sarà ciò che soeri?

Se è così che ti senti in questo momento fissa un appuntamento di pre consulenza!

Potrò aiutarti a trovare la soluzione che cerchi


 Ti aspetto!


http://www.veronicacostanzoweddingplanner.com/contatti-wedding-planner-pescara
 Ti aspetto!

LISTA NOZZE O DENARO? ECCO COME MUOVERTI PER NON FARE BRUTTA FIGURA

LISTA NOZZE O DENARO? ECCO COME MUOVERTI PER NON FARE CATTIVA IMPRESSIONE 

Una delle questioni più difficili da gestire è la lista nozze.
Ancor più imbarazzante è fare richiesta di denaro quando si vuole evitare di ricevere oggetti inutili.
Volendo rispettarr la regola del galateo, non andrebbe fatta alcun tipo di richiesta ai propri ospiti: equivarrebbe a dettare una condizione per poter partecipare alle nozze.
Negozi e agenzie di viaggio consigliano agli sposi, inesperti, di inserire nell'invito il loro biglietto da visita come indicazione per la lista, dimenticando ogni sorta di garbo nei confronti degli invitati.
Lo scopo principale di un invito di nozze è quello  di  comunicare alle persone care il piacere di averle ospiti a condividere la gioia del momento e la nascita di una nuova famiglia.
Inserire la richiesta del regalo contestualmente all'invito è un gesto da evitare assolutamente per evitare cadute di stile!
Preoccupati esclusivamente di comunicare la bella notizia: i destinatari ne saranno felici ed apprezzeranno la tua eleganza.
Stai pur certa che saranno loro stessi a preoccuparsi di chiedere indicazioni a te o ai tuoi genitori per il cadeau. Il loro sarà un gesto fatto liberamente e non imposto. 
Nel caso in cui non volessi seguire questo consiglio perchè temi che comunqie alcuni dei tuoi invitati optino per cornici d'argento,vasi od oggetti inutili, dovrai trovare la soluzione più elegante per comunicare le indicazioni del caso.
Per gli ospiti più giovani o tecnologici potresti creare un wedding site (oggi è semplicissimo farlo grazie alle molte App disponibili) in cui indicare tutte le informazioni sul matrimonio e una sezione dedicata alla lista nozze, in cui inserire i dati dell'ageniza di viaggi o del negozio scelto o, ancora, i dati bancari per versare una somma). 
Eviterai, in questo modo, di inserire nella busta quell' antipatico ed antiestetico bigliettino che sa molto di "se vieni mi aspetto il regalo".
Per le persone più adulte e meno pratiche di internet, potrebbe essere utile inserire sull'invito il numero di telefono di un referente (mamma, sorella o wp) che possa raccogliere le adesioni e dare le informazioni del caso.
Potrebbe sembrarti una sciocchezza, ma ti assicuro che queste sono le attenzioni che ti permetteranno di distinguerti!
I tuoi invitati sentiranno con piacere il tuo grande desiderio di averli presenti al tuo matrimonio, a prescindere dal cadeau.

Per qualsiasi domanda o se pensi che io sia la wedding planner adatta a te scrivimi!

Ti aspetto!


https://www.veronicacostanzoweddingplanner.com/contatti-wedding-p

CHI PAGA L'ABITO DELLE DAMIGELLE?

CHI PAGA L'ABITO DELLE DAMIGELLE? 


Negli ultimi decenni è stata importata dal mondo anglosassone l'usanza di scegliere damigelle adulte ad aprire il corteo della sposa.
Sono le amiche più strette o le sorelle a ricoprire questo importantissimo ruolo: supporteranno la protagonista e spezzeranno la tensione e la grandissima emozione anticipando la sposa all'ingresso.


L' outfit delle damigelle deve essere particolarmente curato: tessuto e linee vengono scelti dalla sposa così che ci sia coerenza con lo stile del matrimonio stesso.

La domanda che però ci si pone sempre e che solleva imbarazzo è:
Chi paga l'abito delle damigelle?

L' entusiasmo del momento potrebbe far omettere di considerare questo particolare, ma per evitare gaffe ed imbarazzo è bene non sottovalutare e gestire questo aspetto secondo la regola del galateo.


La sposa sceglie di dare questo importantissimo ruolo.
È la sposa sceglie il loro outfit per averle nel massimo dello splendore ed in stile con il suo matrimonio.
La sposa sceglie di averle al suo fianco e di condividere con loro un momento decisamente intenso.


Ecco perchè è giusto che sia sposa ad affrontare le spese per loro!

Sapendo questo, eviterai di mettere in difficoltà qualcuna delle tue prescelte e di creare imbarazzo.

Eviterai brutte figure chiarendo immediatamente la questione!


Un piccolo consiglio anche alle damigelle:
nel momento della scelta dell'abito o della prova in sartoria

  • evitate di esprimere dissenso o malcontento. 
  • non criticate colore e modello
  • non mostratevi scontente ma siate complici di un momento di gioia.

Accettate le scelte della sposa. 

Lei stessa vi vorrà perfette, in tutto il vostro splendore e non ha sicuramente voglia di farvi sfigurare!
È il suo matrimonio ed è importante che sia soddisfatta di tutto! 

Ti autorizzo ad intervenire solo qualora percepiste una mancanza di buon gusto (scollature eccessive, lunghezze, uso di cappello o accessori), aiutandola ad evitare errori.
Per tutto il resto siate complici, accontentatela nelle sue scelte e gioite insieme di questo meraviglioso momento.

o momento!